• Cambia l’identikit del turista in Liguria nell’estate 2016 - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    CAMBIA L’IDENTIKIT DEL TURISTA IN LIGURIA NELL’ESTATE 2016

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    L’Osservatorio Turistico Regionale della Liguria ha pubblicato i primi risultati relativi ai comportamenti dei turisti in Liguria durante l’estate del 2016.
    Il turista che ha visitato le destinazioni turistiche della Liguria si è caratterizzato per la presenza prevalente di giovanissimi fino ai 30 anni (27,8%) e giovani fino ai 40 (26,9%).
    La quota di giovanissimi, rispetto all’estate 2015, risulta in calo sia tra gli italiani che tra gli stranieri, a favore di un turismo più adulto tra i 31 ed i 40 anni, che invece è in crescita da tutti i mercati.
    La crescita maggiormente evidente, però, è quella relativa agli over 60 italiani, che passano dal 13% del totale del 2015 al 23,1% nel 2016.
    Si tratta sempre più di individui diplomati (66,6% in crescita rispetto al 60,7% della scorsa estate), specie tra i turisti italiani, mentre resta stabile la presenza di laureati (29,1%).
    Aumenta la quota di occupati (63,7% rispetto al 57,9% dell’estate 2015), impiegati soprattutto come lavoratori autonomi (41,6%) o impiegati ed operai qualificati (22,2%).
    Sono gli amici (38,4%) la compagnia di vacanza dell’estate 2016 in Liguria, quando non si è con un gruppo organizzato (29,4%).
    Cresce infatti rispetto all’estate 2015 la quota di turismo intermediato che si moltiplica dall’8,2% della scorsa estate, sul traino di un deciso incremento del turismo organizzato dall’Italia verso le mete liguri.
    La ricchezza del patrimonio culturale si conferma la principale motivazione di visita delle destinazioni liguri anche in estate, per l’82,9% dei turisti.
    Ma è il binomio cultura-natura il fattore di attrattività della Liguria, dove il 55,5% dei turisti estivi vi passa la vacanza per interessi naturalistici e per le sue bellezze naturali.
    A ciò si aggiunge il traino degli eventi che si posiziona come terza motivazione di scelta che influenza il 43,7% dei turisti nello scegliere soggiorni in destinazioni liguri (era il 26,7% lo scorso anno), seguito da quello degli interessi per l’enogastronomia ligure (38,6%), effettuando il sorpasso sulla ricerca di relax che caratterizzava in passato la vacanza estiva (17,3% contro il 30,5% dell’estate 2015).
    Escursioni (praticate dal 64,8% dei turisti) e sport (15,2%) sono le attività che animano la vacanza in Liguria sia per gli italiani che per i turisti dall’estero, così come anche la visita a musei e mostre (6,5%). Poi, in particolare, gli stranieri degustano i prodotti enogastronomici (5,8%) e fanno shopping (5,1%), mentre gli italiani partecipano ad eventi enogastronomici (4,8%), condividono i saperi artigianali ed agricoli attraverso la partecipazione attiva a varie fasi produttive (3,8%) e vanno al cinema e a teatro.
    E’ sempre più il web ad influenzare le scelte dei turisti verso la Liguria: il 67,5% dei turisti vi si rivolge per la propria vacanza nelle mete liguri. E sono proprio i social (41,4%) a veicolare le informazioni turistiche che incidono su tali scelte, attivando un potente passaparola virtuale.
    Inoltre, anche e proprio la presenza di eventi (terzo motivo di scelta del viaggio in Liguria) diventa il veicolo di comunicazione e informazione per le decisioni sui soggiorni.

    Cambia l’identikit del turista in Liguria nell’estate 2016 | I comportamenti turistici – primi risultati

    turista in liguria turista in liguria turista in liguria turista in liguria turista in liguria

  • Operatori del turismo - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    OSPITALITA’ 3.0: DUE GIORNI DI FORMAZIONE PER GLI OPERATORI DEL TURISMO AL LOANO2 VILLAGE

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    L’Unione Provinciale Albergatori di Savona e l’Ente Bilaterale Industria Turistica della provincia di Savona, in collaborazione con Gp.Studios, hanno organizzato, per giovedì 30 e venerdì 31 marzo presso il Loano2 Village, il workshop “Speed Date del Turismo” ed i seminari “Tecniche di vendita al telefono” e “Prepararsi al 2017”, dedicati alle imprese alberghiere associate ed ai loro lavoratori.
    Lo “Speed Date del Turismo” è un evento innovativo che ha come obiettivo principale quello di aumentare la capacità di fare business e di fare impresa delle strutture ricettive, fornendo strumenti pratici e concreti attraverso la formazione e la consulenza personalizzata.
    Il format è quello di un vero e proprio speed date (momenti di incontro face to face di venti minuti ciascuno) con quattro tavoli di esperti consulenti che, grazie ad un’analisi preventiva delle strutture, forniranno soluzioni personalizzate per migliorare le performances aziendali nelle quattro principali aree di gestione delle imprese ricettive:
    – Marketing e strategia: come ricercare i clienti e quali tattiche commerciali adottare per intercettarli;
    – Politiche di prezzo e tattiche commerciali: come individuare la direzione da intraprendere per raggiungere il successo economico;
    – Budget, analisi dei costi e pianificazione: come identificare eventuali costi superflui, ottimizzare le risorse e pianificare un budget;
    – Social media marketing e comunicazione: come usare al meglio i canali web e social in ottica commerciale per vendere più camere e fidelizzare i clienti.
    A fine workshop ad ogni impresa partecipante verrà rilasciato un report con evidenziati i punti di forza e di debolezza e gli eventuali correttivi da porre concretamente.
    Il seminario “Tecniche di vendita al telefono”, invece, si pone l’importante obiettivo di imparare a comunicare nel modo corretto per applicare le modalità più funzionali ed efficaci per ogni situazione, oltre a creare una consapevolezza all’utilizzo degli strumenti e delle strategie di marketing per promuoversi verso nuovi target e migliorare la propria immagine.
    Alcuni degli argomenti che verranno trattati sono: gli elementi della comunicazione, la comunicazione assertiva, l’approccio alla vendita, le tecniche di vendita (upselling, cross selling e down selling), il marketing in hotel, come individuare i potenziali clienti, la segmentazione della domanda, l’analisi della concorrenza, come pianificare le azioni di marketing, gli strumenti di monitoraggio dei risultati.
    Il seminario “Prepararsi al 2017”, infine, ha la finalità di individuare le strategie per aumentare i profitti e i margini della struttura attraverso la ricerca e la creazione di nuove reti di potenziali clienti, con una corretta pianificazione delle azioni di promozione off e on-line.
    Alcuni degli argomenti che verranno trattati sono: gli elementi da valutare sui mercati turistici, la creazione del piano di marketing, l’analisi della situazione esterna ed interna, la definizione di obiettivi e budget, la pianificazione e il monitoraggio delle azioni di marketing, come intercettare nuovi mercati con i social, quali sono le sponsorizzazioni efficaci e gli obiettivi di business.
    Per maggiori informazioni:
    Unione Provinciale Albergatori Provincia di Savona | Via Orefici 3/2 | Savona
    0198489238 | info@inriviera.info

    Speed Date del Turismo | Maggiori informazioni

    Prepararsi al 2017 | Maggiori informazioni

    Tecniche di vendita al telefono | Maggiori informazioni

    operatori del turismo operatori del turismo operatori del turismo operatori del turismo operatori del turismo

  • A confronto con le 12 associazioni territoriali di UPA Savona - Angelo Berlnagieri - Pianeta Turismo

    A CONFRONTO CON LE 12 ASSOCIAZIONI TERRITORIALI DI UPA SAVONA

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Come Unione Provinciale Albergatori di Savona in questi diciotto mesi di mandato abbiamo incontrato diverse volte le dodici associazioni territoriali che fanno parte di UPA: Alassio, Albenga, Andora, Celle Ligure, Ceriale, Finale Ligure, Laigueglia, Loano, Noli, Pietra Ligure, Savona e Spotorno.
    Lo scopo di questi incontri, sia di ambito locale che provinciale, era di raccontare cosa si stava organizzando e realizzando come attività di servizio e formazione per le imprese associate ad UPA e di raccogliere le aspettative e le problematiche più importanti riguardanti le singole associazioni del territorio.
    A sei mesi dalla fine del mandato, nelle scorse settimane come Unione Provinciale Albergatori di Savona abbiamo nuovamente incontrato le dodici associazioni territoriali per ascoltare le loro segnalazioni e fare il punto della situazione in merito sia alle attività di approfondimento ed alle iniziative di formazione in calendario nei prossimi mesi, sia alle azioni di promo-commercializzazione della nostra destinazione che partiranno nelle prossime settimane.
    L’elemento di positività che tutte le associazioni hanno evidenziato è legato al fatto che l’anno scorso, e molto probabilmente anche quest’anno, il movimento turistico ha avuto un andamento molto positivo, soprattutto per quanto riguarda la quota straniera.
    Questo trend, infatti, ci permette di diversificare sempre più i mercati durante l’intero anno.
    Fino ad oggi, i contatti e le prenotazioni per i ponti di primavera e per il periodo estivo ci fanno ben sperare per il 2017, incrociando le dita che il clima non ci faccia brutti scherzi.
    Per quanto riguarda invece gli elementi negativi, le associazioni territoriali hanno messo in evidenza tre aspetti.
    Innanzitutto la mancanza, ormai cronica, di organizzazione dell’offerta turistica del nostro territorio, non tanto per la mancata organizzazione degli uffici di informazione ed accoglienza turistica, quanto per la mancata organizzazione centrata sull’offerta di prodotto integrata e su quella che è la tendenza in atto rispetto ai mercati nazionali ed internazionali.
    Il secondo elemento di criticità evidenziato, invece, è legato al fatto che l’attenzione del mondo delle istituzioni per il turismo, nella pratica, si traduce in due attività importanti ma semplicistiche: organizzare un pò di manifestazioni e fare qualche pubblicità.
    Si tratta di due iniziative che servono, ci mancherebbe altro, ma non rappresentano il tutto. Manca ancora, e credo che ci vorrà ancora parecchio tempo per arrivarci, una vera e propria politica economica del turismo.
    Infine, l’ultimo elemento di difficoltà messo in evidenza, che oramai viene ripetuto tutte le volte, riguarda la diffusa concorrenza sleale che oggi esiste fra le varie forme di ricettività, non rispettando le regole a tutela dei consumatori, della pubblica sicurezza e del mercato e creando una palese e dannosa situazione di disparità di trattamento.
    Alla luce di queste considerazioni, come Unione Provinciale Albergatori di Savona abbiamo proposto alle associazioni territoriali un percorso innovativo, che è stato condiviso ed accolto con molta soddisfazione e con grande interesse, per giocare questa partita legata allo sviluppo del movimento turistico in attacco, creando noi come UPA quello che oggi manca, cioè un sistema online di organizzazione dell’offerta di prodotto del nostro territorio in grado di organizzare, gestire, distribuire, promuovere e vendere sui mercati nazionali ed internazionali le proposte di viaggio e di soggiorno in provincia di Savona.

    A confronto con le 12 associazioni territoriali di UPA Savona | Maggiori informazioni

    12 associazioni territoriali 12 associazioni territoriali 12 associazioni territoriali 12 associazioni territoriali 12 associazioni territoriali