• Rapporto Economico Liguria 2016 aumentano gli arrivi e le presenze rispetto al 2015 - Angelo Berlangieri

    Rapporto Economico Liguria 2016: aumentano gli arrivi e le presenze rispetto al 2015

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Il Rapporto Economico 2016 sulla Liguria, realizzato da Unioncamere Liguria, raccoglie i dati più significativi sull´andamento socio-economico della regione: movimento demografico, istruzione, mercato del lavoro, agricoltura, industria, edilizia, artigianato, turismo, trasporti, credito, movimento delle imprese, indicatori di contabilità economica, commercio interno, commercio estero, ambiente, protesti, fallimenti e confronti regionali.
    Il turismo ligure ha registrato nel 2016 un trend ancora migliore rispetto al 2015 già molto positivo, con un incremento di oltre 190 mila clienti arrivati (+4,3%) e oltre 760 mila presenze (+5,4%).
    Per quanto riguarda il movimento turistico alberghiero, gli arrivi in provincia di Genova sono il 39,8% rispetto al totale (Savona 27,9%, Imperia 18,6% e La Spezia 13,7%).
    A livello di presenze, invece, la provincia di Savona registra un 37,9% (Genova 30,6%, Imperia 19,6% e La Spezia 11,8%).
    Gli arrivi relativi al movimento turistico extralberghiero in provincia di La Spezia valgono il 32,2% rispetto al totale (Savona 29,3%, Genova 20,7% e Imperia 17,8%).
    A livello di presenze, invece, la provincia di Savona registra un 36,3% (La Spezia 23,4%, Imperia 22,5% e Genova 17,8%).
    In Liguria nel 2016 gli arrivi italiani totali, rispetto al 2015, sono aumentati del 4,58% e quelli stranieri del 4,07, mentre le presenze italiane totali hanno registrato un incremento del 5,22% e quelle straniere un 5,58% in più.
    In Liguria nel 2016 gli arrivi registrati nel settore alberghiero, rispetto al 2015, sono aumentati dell’1,26%% e quelli extralberghieri del 13,90%, mentre le presenze nel settore alberghiero hanno registrato un incremento del 3,60% e quelle extralberghiere un 8,91% in più.
    In Liguria il numero complessivo degli esercizi extralberghieri è aumentato del 5,5% (164 esercizi in più), mentre il numero dei posti letto dello 0,9% (543 posti letto in più).
    Infine, i turisti italiani che scelgono la Liguria come destinazione per la propria vacanza arrivano principalmente da Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Lazio, Veneto e Toscana, mentre quelli stranieri provengono soprattutto da Germania, Francia, Svizzera, Olanda, Stati Uniti e Regno Unito.

    Rapporto Economico Liguria 2016 | Maggiori informazioni

    rapporto economico liguria rapporto economico liguria rapporto economico liguria rapporto economico liguria rapporto economico liguria

  • Turismo in Liguria. I numeri per uno sviluppo strategico del settore - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    Turismo in Liguria: i numeri per uno sviluppo strategico del settore

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Lo scorso 16 dicembre, al Palazzo della Borsa di Genova, l’Osservatorio Turistico Regionale, gestito in collaborazione fra Regione Liguria e Unioncamere Liguria, ha presentato l’andamento dei dati di settore in occasione degli Stati Generali dedicati allo “Sviluppo Strategico del Turismo in Liguria”, che sono stati preceduti da quattro tavoli di lavoro dedicati a “Prodotto e marketing territoriale”, “Promozione  e innovazione”, “Miglioramento qualitativo dell’offerta ricettiva e professioni turistiche” e “Governance e patto regionale per il turismo”.
    Il sistema ricettivo ligure conta complessivamente circa 4.450 aziende ed ha una capacità ricettiva di oltre 151.000 posti letto, suddivisi nei tre macro settori definiti come ‘Alberghiero’, ‘Aria aperta’ e ‘Altre strutture’.
    Negli ultimi 5/6 anni il trend ha visto una decisa contrazione degli alberghi a livello di classificazione inferiore e l’aumento degli alberghi a 3, 4 e 5 stelle: gli hotel ad una e due stelle sono diminuiti di circa il 22% a favore del settore 3, 4 e 5 stelle.
    Così facendo l’offerta ha trovato modo di adeguarsi alle esigenze della domanda.
    Gli arrivi turistici nelle strutture ricettive liguri sono passati da circa 3 milioni e mezzo nel 2008 a più di 4 milioni e 300 mila nel 2015; i trend attuali mostrano un aumento delle presenze nei mesi di marzo, settembre ed ottobre, dovuti ad una diversificazione delle proposte turistiche liguri adatte a periodi differenti dalla stagione tradizionale; inoltre è aumentata la quota di turisti giovani (under 30), passando dal 19% a più del 30%, in meno di dieci anni.
    Il turismo si conferma quale moltiplicatore di spesa e del valore aggiunto per l’economia regionale.
    E non solo: il valore aggiunto della spesa turistica genera effetti anche extra regione. Le spese sostenute nel corso della vacanza dagli oltre 72 milioni di presenze turistiche stimati, ammontano a più di 5 miliardi e 315 milioni di euro.
    Queste spese hanno attivato una produzione di beni e servizi sul territorio della regione pari a oltre 6 miliardi e 335 milioni di euro, che a sua volta attiva un Prodotto Interno Lordo pari a 3 miliardi e 576 milioni di euro (corrispondenti al 7,8% del PIL regionale).

    Turismo in Liguria: i numeri per uno sviluppo strategico del settore | Maggiori informazioni

    turismo in liguria turismo in liguria turismo in liguria turismo in liguria turismo in liguria

  • Cambia l’identikit del turista in Liguria nell’estate 2016 - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    CAMBIA L’IDENTIKIT DEL TURISTA IN LIGURIA NELL’ESTATE 2016

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    L’Osservatorio Turistico Regionale della Liguria ha pubblicato i primi risultati relativi ai comportamenti dei turisti in Liguria durante l’estate del 2016.
    Il turista che ha visitato le destinazioni turistiche della Liguria si è caratterizzato per la presenza prevalente di giovanissimi fino ai 30 anni (27,8%) e giovani fino ai 40 (26,9%).
    La quota di giovanissimi, rispetto all’estate 2015, risulta in calo sia tra gli italiani che tra gli stranieri, a favore di un turismo più adulto tra i 31 ed i 40 anni, che invece è in crescita da tutti i mercati.
    La crescita maggiormente evidente, però, è quella relativa agli over 60 italiani, che passano dal 13% del totale del 2015 al 23,1% nel 2016.
    Si tratta sempre più di individui diplomati (66,6% in crescita rispetto al 60,7% della scorsa estate), specie tra i turisti italiani, mentre resta stabile la presenza di laureati (29,1%).
    Aumenta la quota di occupati (63,7% rispetto al 57,9% dell’estate 2015), impiegati soprattutto come lavoratori autonomi (41,6%) o impiegati ed operai qualificati (22,2%).
    Sono gli amici (38,4%) la compagnia di vacanza dell’estate 2016 in Liguria, quando non si è con un gruppo organizzato (29,4%).
    Cresce infatti rispetto all’estate 2015 la quota di turismo intermediato che si moltiplica dall’8,2% della scorsa estate, sul traino di un deciso incremento del turismo organizzato dall’Italia verso le mete liguri.
    La ricchezza del patrimonio culturale si conferma la principale motivazione di visita delle destinazioni liguri anche in estate, per l’82,9% dei turisti.
    Ma è il binomio cultura-natura il fattore di attrattività della Liguria, dove il 55,5% dei turisti estivi vi passa la vacanza per interessi naturalistici e per le sue bellezze naturali.
    A ciò si aggiunge il traino degli eventi che si posiziona come terza motivazione di scelta che influenza il 43,7% dei turisti nello scegliere soggiorni in destinazioni liguri (era il 26,7% lo scorso anno), seguito da quello degli interessi per l’enogastronomia ligure (38,6%), effettuando il sorpasso sulla ricerca di relax che caratterizzava in passato la vacanza estiva (17,3% contro il 30,5% dell’estate 2015).
    Escursioni (praticate dal 64,8% dei turisti) e sport (15,2%) sono le attività che animano la vacanza in Liguria sia per gli italiani che per i turisti dall’estero, così come anche la visita a musei e mostre (6,5%). Poi, in particolare, gli stranieri degustano i prodotti enogastronomici (5,8%) e fanno shopping (5,1%), mentre gli italiani partecipano ad eventi enogastronomici (4,8%), condividono i saperi artigianali ed agricoli attraverso la partecipazione attiva a varie fasi produttive (3,8%) e vanno al cinema e a teatro.
    E’ sempre più il web ad influenzare le scelte dei turisti verso la Liguria: il 67,5% dei turisti vi si rivolge per la propria vacanza nelle mete liguri. E sono proprio i social (41,4%) a veicolare le informazioni turistiche che incidono su tali scelte, attivando un potente passaparola virtuale.
    Inoltre, anche e proprio la presenza di eventi (terzo motivo di scelta del viaggio in Liguria) diventa il veicolo di comunicazione e informazione per le decisioni sui soggiorni.

    Cambia l’identikit del turista in Liguria nell’estate 2016 | I comportamenti turistici – primi risultati

    turista in liguria turista in liguria turista in liguria turista in liguria turista in liguria