• Fondo Sociale Europeo - Regione Liguria - Corso per DJ

    Corso per DJ: aperte le iscrizioni fino al 21 maggio

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Grazie al Fondo Sociale Europeo 2014/2020 (Asse 1 “Occupazione” – Ob 2 e 3 del PO) Regione Liguria investe nel mondo della cultura e dello spettacolo per disoccupati e non occupati.
    Cescot Liguria, Unione Provinciale Albergatori di Savona e Mivida Srl organizzano un corso per dj, rivolto a 32 giovani e adulti disoccupati e persone in stato di non occupazione.
    Requisiti richiesti: possesso di qualifica triennale/diploma di scuola secondaria superiore o titolo equivalente legalmente riconosciuto e buona conoscenza della lingua italiana.
    Il 40% dei posti sarà riservato a donne, salvo che gli esiti delle prove di selezione non consentano di raggiungere questa percentuale.
    Al termine del percorso del percorso l’allievo qualificato dovrà essere in grado di condurre trasmissioni radiofoniche musicali, condurre un dj set, realizzare compilation musicali in linea con i contesti in cui è chiamato ad operare.
    Dovrà essere inoltre in grado di promuovere sé stesso come professionista del settore, saper usare strumenti social all’uopo realizzati, sapersi promuovere presso tutti i soggetti potenzialmente beneficiari della propria opera.
    Dovrà aver acquisito competenze relazionali tali da poter intrattenere i rapporti necessari allo svolgimento della propria attività in rapporti con le realtà economiche interessate.
    Dovrà aver appreso competenze di marketing e di business tali da consentirgli di sviluppare il proprio ruolo professionale in termini di costruzione di valore per i potenziali clienti.
    Per accedere al corso gli interessati dovranno presentare apposita domanda di iscrizione, entro le ore 12.30 del 21 maggio 2018,  esclusivamente a mano presso il CESCOT di via Balbi 38 a Genova oppure presso il CESCOT di via Paleocapa 3 a Savona.
    Insieme alla domanda è necessario presentare: carta d’identità, codice fiscale e, se cittadino extracomunitario, permesso di soggiorno; curriculum datato e firmato; fototessera; marca da bollo da 16 euro.
    Al termine del corso verrà rilasciato attestato di qualifica (Repertorio Disc Jockey – ISTAT 3.4.3.1.1 – Annunciatori della radio e della televisione).
    Il corso, che si svolgerà tra giugno e ottobre (esame finale), ha una durata complessiva di 480 ore tra formazione teorico/pratica in aula e stage (144 ore).
    Le sedi del corso sono presso il CESCOT di Genova (16 posti) ed il CESCOT di Savona (16 posti).
    Per maggiori informazioni:
    CESCOT Genova: 010251551 – www.cescot-ge.it
    CESCOT Savona: 0198401492 – www.cescotsavona.it

    Corso per DJ – fondo Sociale Europeo 2014/2020 – Scheda di iscrizione

    Corso per DJ – Fondo Sociale Europeo 2014/2020 – Bando

    corso per dj corso per dj corso per dj corso per dj
  • ige presentato il protocollo d'intesa - Angelo Berlangieri - UPA Savona e Carige

    Rinnovato anche per il 2018 il protocollo d’intesa tra UPA Savona e Carige

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Dopo gli ottimi risultati ottenuti con il protocollo d’intesa del 2017, che ha portato al finanziamento dei progetti di ammodernamento e di rilancio di oltre 40 imprese alberghiere, Unione Provinciale Albergatori di Savona e Banca Carige hanno rinnovato ed ampliato l’accordo di collaborazione per il 2018.
    Il nuovo protocollo prevede una serie di agevolazioni (su servizi e credito), mediante il quale la Banca intende sostenere forme di collaborazione con l’Associazione per rispondere più efficacemente alle esigenze in ambito finanziario delle imprese associate.
    Sono previste significative agevolazioni rispetto alle attuali condizioni di mercato sia per quanto riguarda l’accesso al credito da parte delle imprese associate (sia di lungo o medio termine sia affidamenti a breve termine), sia per quanto riguarda l’utilizzo di altri servizi bancari (ad esempio ‘servizio Pos’ e ‘servizi online’).
    Altro aspetto, che è forse il più importante, è il rapporto diretto con l’istituto di credito, che così potrà essere ancora di più la ‘banca del territorio’.
    Gli imprenditori del settore turistico potranno confrontarsi personalmente con i referenti di Banca Carige e con consulenti dedicati a seconda delle esigenze manifestate dai clienti, tenuto anche conto della conoscenza personale e diretta dell’imprenditore stesso, della sua storia, di quelle che sono le sue prospettive ed i suoi progetti di sviluppo.
    La convenzione conferma un nuovo modo di lavorare, assieme a tutte le categorie economiche del savonese. Tra imprese bisogna conoscersi di più e fare sistema, anche per superare certe rigidità nell’assegnazione del credito.
    Questa convenzione è un progetto fortemente voluto sia da Carige che da UPA Savona, che prevede un cartello di prezzi a condizioni di favore che l’istituto di credito desidera rivolgere verso un settore dell’economia che caratterizza fortemente la provincia.
    Si tratta di una serie di condizioni legate a forme tecniche di finanziamento che Carige mette a disposizione degli associati UPA, un pricing legati a finanziamenti e servizi.
    Il settore turistico è rilevante per il territorio e per Carige: i numeri sulle province di Savona e Imperia sono importanti, e questo è un passo di attenzione e sensibilità verso un ramo della economia da cui il nostro territorio non può prescindere.

    upa savona e carige upa savona e carige upa savona e carige upa savona e carige .
  • Hotel Design in Pillole - Pianeta Turismo - Angelo Berlangieri

    Hotel Design in Pillole: l’evoluzione del settore alberghiero

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Mercoledì 31 gennaio, dalle ore 14.30 alle ore 18.30, presso la Sala Rossa dell’Unione Industriali di Savona, si terrà l’incontro “Hotel Design in Pillole” organizzato da Greenhub e Ordine degli Architetti della provincia di Savona, in collaborazione con l’Unione Provinciale Albergatori di Savona.
    Il settore alberghiero, negli ultimi anni, è stato oggetto di una costante evoluzione. Se nella comune camera d’albergo le innovazioni si sono affermate molto lentamente, nelle suite e nei boutique hotel vi è stata una maggiore sperimentazione.
    Le trasformazioni più rilevanti hanno coinvolto gli spazi comuni: hall e lounge si sono aperte verso la città, ospitando nuove funzioni legate sia all’entertainment sia al business e l’introduzione di servizi orientati al wellness è diventata ormai consuetudine in gran parte dei nuovi alberghi.
    Oggi in hotel il cliente non cerca più l’atmosfera domestica della propria casa, ma vuole vivere un’esperienza sensoriale straordinaria, unica e indimenticabile. In questo contesto in movimento, sono presenti tendenze divergenti: se le grandi catene perseguono la standardizzazione degli spazi e degli arredi, gli alberghi indipendenti e i boutique hotel propendono per una forte personalizzazione degli spazi, sperimentando nuovi trend della cultura dell’abitare.
    Alcune di queste esperienze tendono a definire nuovi standard, diffondendosi ed influenzando anche le grandi catene.
    Esigenze di contenimento dei costi impongono una razionalizzazione del progetto: l’albergo è un’azienda, una macchina dove tutto deve trovarsi al proprio posto per garantire un’adeguata redditività al gestore.
    L’evento è rivolto ad architetti (4CFP; iscrizione: 25,62 euro, iva inclusa) ed albergatori (partecipazione gratuita).

    Hotel Design in Pillole | Programma | Maggiori informazioni

    hotel design in pillole hotel design in pillole hotel design in pillole hotel design in pillole