• Unioncamere Liguria - Opportunità di business in Europa per gli operatori - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    OPPORTUNITA’ DI BUSINESS IN EUROPA PER GLI OPERATORI

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Unioncamere Liguria è la struttura associativa regionale che riunisce e rappresenta le Camere di Commercio della regione.
    Obiettivo principale di Unioncamere Liguria è quello di realizzare e promuovere iniziative a favore dello sviluppo e della valorizzazione del territorio, del sistema delle imprese e dell’economia regionale in generale.
    Unioncamere Liguria, nel contesto delle attività dell’Osservatorio Turistico Regionale, offre agli operatori turistici liguri un nuovo servizio di informazione e assistenza sulle nuove opportunità di business in Europa, attraverso i seguenti canali:

    • segnalazione di bandi di gara di fonte comunitaria finalizzati a sostenere attività turistiche

    La Liguria è inserita in sette spazi di cooperazione di diverso livello:

    • cooperazione transfrontaliera (ALCOTRA, Francia-Italia Marittimo);
    • cooperazione transnazionale (MED, Spazio Alpino, Central Europe, ENI CBC MED);
    • cooperazione interregionale (Interreg Europe).

    In questi programmi sono previste misure a sostegno della valorizzazione del patrimonio naturale e culturale delle aree di cooperazione e sono pertanto finanziabili interventi volti a stimolare l´offerta e la promozione turistica.

    Il Programma COSME prevede una linea di intervento per la promozione dell´offerta turistica in Europa.
    Ogni anno viene pubblicato l´invito a presentare proposte finalizzate a:

    • destagionalizzazione dei flussi turistici con nuove proposte per “seniors” e “juniors”;
    • creazione di pacchetti turistici transnazionali tematici;
    • miglioramento dell´accessibilità turistica per persone con necessità specifiche.
    • supporto alla ricerca di partner per la partecipazione a progetti transnazionali

    Supporto all’individuazione di soggetti esteri con i quali predisporre una propria proposta progettuale e alla segnalazione di ricerche di partner da parte di soggetti esteri.

    • profilazione delle imprese turistiche e dei soggetti pubblici/privati liguri interessati alla ricerca di collaborazioni all’estero

    Servizio di ricerca partner a fini commerciali e/o tecnologici basato su un sistema di profilazione del soggetto interessato che viene immesso nella banca dati comunitaria della rete Enterprise Europe Network in forma anonima e consente il “match” tra domanda ed offerta di prodotti/servizi.

    • assistenza alla presentazione di proposte progettuali

    Assistenza nella fase di presentazione di proposte progettuali lanciate nell´ambito di programmi comunitari.

    • selezione di ricerca partner di soggetti esteri

    Opportunità di business in Europa per gli operatori | Si segnalano le più recenti ricerche partner inerenti il settore turistico (aggiornate al 9 marzo 2017)

  • Bandi europei Turismo - Angelo Berrlangieri

    Bandi europei per sostenere le attività turistiche

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    E´ operativa la nuova programmazione degli strumenti di cooperazione territoriale per il periodo 2014-2020.
    La Liguria è inserita in sette spazi di cooperazione di diverso livello:

    In questi programmi sono previste misure a sostegno della valorizzazione del patrimonio naturale e culturale delle aree di cooperazione e sono pertanto finanziabili interventi volti a stimolare l’offerta e la promozione turistica.

    Il Programma COSME, invece, prevede una linea di intervento per la promozione dell’offerta turistica in Europa.
    Ogni anno viene pubblicato l´invito a presentare proposte finalizzate a:

    • destagionalizzazione dei flussi turistici con nuove proposte per “seniors” e “juniors”;
    • creazione di pacchetti turistici transnazionali tematici;
    • miglioramento dell´accessibilità turistica per persone con necessità specifiche.
    bandi europei bandi europei bandi europei bandi europei bandi europei bandi europei .
  • Piano di investimenti Europa - Finanziamenti per le PMI italiane - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    Piano di investimenti per l’Europa: finanziamenti per le PMI italiane

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

    Il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) e il Fondo di Garanzia per le PMI hanno firmato in Italia un accordo COSME, che usufruisce del sostegno del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), fulcro del Piano di investimenti per l’Europa.
    Il contratto di controgaranzia COSME consentirà al Fondo di Garanzia di sostenere finanziamenti per oltre 1 miliardo di euro a favore di 20 000 piccole e medie imprese (PMI) italiane nel corso dei prossimi dodici mesi. Il Fondo di Garanzia sosterrà le PMI italiane tramite i confidi (società di mutua garanzia che forniscono garanzie alle PMI in Italia). Il contratto di controgaranzia è stipulato nell’ambito del programma COSME, con il sostegno finanziario della Commissione europea.
    L’accordo riflette l’impegno del gruppo BEI a rispondere con tempestività alle richieste degli Stati membri, della Commissione europea e del Parlamento europeo per un rapido avvio di iniziative concrete nell’ambito del FEIS finalizzate ad accelerare le operazioni di concessione di prestiti e di garanzie che siano in grado di stimolare la crescita e l’occupazione nell’UE.

    piano di investimenti piano di investimenti piano di investimenti piano di investimenti piano di investimenti

    Fondo europeo per gli investimento

    Il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) fa parte del gruppo della Banca europea per gli investimenti. La sua missione fondamentale è sostenere le microimprese, le piccole e medie imprese europee, facilitandone l’accesso ai finanziamenti. Il FEI elabora e sviluppa strumenti di capitale di rischio e di capitale di crescita, strumenti di garanzia e di microfinanza destinati specificamente a questo segmento di mercato. In questo ruolo il FEI promuove gli obiettivi dell’UE nei settori dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo, dell’imprenditorialità, della crescita e dell’occupazione. Il totale degli impegni netti del FEI in fondi di equity ammontava a oltre 8,8 miliardi di euro alla fine del 2014. Con investimenti in oltre 500 fondi, il FEI è un attore di primo piano nel campo dei fondi di capitale di rischio e per la crescita in Europa, anche nei segmenti dell’alta tecnologia e “early stage”. A fianco delle attività nel settore dell’equity, va ricordato il portafoglio di garanzie per prestiti del FEI: oltre 5,6 miliardi di euro impegnati in più di 350 operazioni alla fine della 2014, che fanno del FEI uno di principali prestatori europei di garanzie alle PMI e un garante di primo piano nel settore della microfinanza.

    Fondo di Garanzia per le PMI | Maggiori informazioni

    Il Fondo di Garanzia per le PMI è un fondo nazionale di garanzia per le PMI istituito dall’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge n. 662/1996 “allo scopo di assicurare una parziale assicurazione ai crediti concessi dagli istituti di credito a favore delle piccole e medie imprese”.
    Il Fondo di Garanzia per le PMI è gestito per conto del ministero per lo Sviluppo economico da Banca del Mezzogiorno – Mediocredito Centrale S.p.A. (BdM–MCC), mandataria del raggruppamento temporaneo di imprese costituito da BdM-MCC stessa (gruppo Poste Italiane), MedioCredito Italiano (gruppo Intesa), MPS Capital Services (gruppo MPS), Artigiancassa (gruppo BNL – BNP Paribas), ICBPI (gruppo ICBPI). L’amministrazione del Fondo è affidata a un Consiglio di sette membri, così costituito: due rappresentanti del ministero dello Sviluppo economico, un rappresentante del ministero dell’Economia e delle finanze, un rappresentante del dipartimento per lo Sviluppo e la coesione economica, un rappresentante designato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e due esperti in materia creditizia e di finanza d’impresa.
    Garantisce qualsiasi tipologia di operazione finanziaria finalizzata all’attività di impresa, di qualsiasi durata e in ogni settore. La garanzia è assistita da una garanzia pubblica con un coefficiente di rischio zero per l’importo concesso e ciò si traduce in un notevole miglioramento della capacità di prestito delle banche. La garanzia è concessa a banche, società di mutua garanzia e ad altri fondi di garanzia tramite una garanzia di pagamento a prima richiesta.

    Piano di investimenti per l’Europa | Maggiori informazioni

    Il piano di investimenti per l’Europa mira a rimuovere gli ostacoli agli investimenti, a dare visibilità e assistenza tecnica ai progetti di investimento e a un uso più intelligente delle risorse finanziarie nuove ed esistenti. Il Piano di investimenti sta già producendo risultati. Secondo le stime della Banca europea per gli investimenti (BEI), fino a febbraio 2016 il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) aveva attivato oltre 60 miliardi di euro di investimenti in Europa.

    COSME | Maggiori informazioni

    COSME è il programma dell’UE per la competitività delle imprese e le piccole e medie imprese (PMI) per il periodo 2014-2020, che dispone di un bilancio totale di 2,3 miliardi di euro. Almeno il 60% delle risorse del programma sarà destinato ad agevolare l’accesso delle PMI ai finanziamenti in Europa attraverso due strumenti finanziari. Lo strumento di garanzia dei prestiti del programma COSME fornisce garanzie e controgaranzie alle istituzioni finanziarie per aiutarle a erogare nuovi prestiti e finanziamenti tramite leasing alle PMI. Lo strumento prevede anche la cartolarizzazione di portafogli di crediti concessi alle PMI. Il programma COSME investe anche attraverso il suo strumento di equity per la crescita in fondi di equity che forniscono capitale di rischio alle PMI soprattutto nelle fasi di crescita e di espansione. Il programma COSME si fonda sul successo del programma quadro per la competitività e l’innovazione (CIP) che, tra il 2007 e il 2013, ha contribuito a mobilitare oltre 20 miliardi di euro di prestiti e 3 miliardi di euro di capitale di rischio a favore di oltre 373 000 PMI in Europa.