• Pianeta Turismo - Conferenza stampa Finale Ligure - Elezioni 2019

    Elezioni 2019 Finale Ligure: agenda di lavoro per le politiche del turismo

    Tag:, , , , , , ,

    Come rappresentanze finalesi delle imprese turistico – ricettive e degli stabilimenti balneari questa mattina abbiamo presentato ai candidati Sindaco alle prossime elezioni amministrative e ai partiti e movimenti politici di Finale la nostra agenda di lavoro per le politiche turistiche, che ha come unico obiettivo lo sviluppo ed il miglioramento della competitività del Turismo.
    Com’è giusto che sia e come è sempre stato, non vogliamo e non abbiamo alcun interesse ad assumere un ruolo “partitico” e non intendiamo appoggiare (od osteggiare) alcun candidato Sindaco o Consigliere in particolare, tuttavia, rivendichiamo con forza il ruolo che ci compete, di  protagonisti  dell’economia turistica della nostra Città, proponendo una serie di riflessioni che possano esser utili a costruire le piattaforme politiche per il turismo dei prossimi 5 anni.
    In questo momento la situazione del turismo Finalese presenta alcune luci e altrettante ombre e come imprenditori del turismo, ci troviamo a dover affrontare momenti  d’incertezza e difficoltà.
    La lettura approfondita ed obiettiva dei dati sull’andamento del movimento turistico in questi ultimi anni dimostra inequivocabilmente la fragilità dell’offerta turistica finalese, il cui posizionamento sui mercati è ancora troppo condizionato da fattori esogeni indipendenti dalla nostra struttura d’offerta.
    Se il Turismo è e dovrà essere il motore principale del nostro sistema socio-economico, la sua competitività deve e dovrà essere assolutamente costruita sulla reputazione e l’appeal del suo sistema integrato e multi prodotto di offerta.
    Per poter far questo la nostra Agenda pone al centro dell’attenzione:

    1. Il metodo di approccio nella costruzione ed attuazione delle politiche turistiche fondato sul coinvolgimento attivo, la programmazione strategica e il racconto della verità per poter superare i principali punti di debolezza di approccio attuali, ovvero la banalizzazione(si pensa che sia facile fare turismo ma nessuno costruisce l’economia del turismo); il racconto di chi siamo e che cosa abbiamo senza che si costruiscano prodotti turistici ed esperienze di vacanza; la percezione che le manifestazioni siano il fondamento e non il complemento dell’offerta turistica. Le fondamenta sono le infrastrutture, i servizi, i prodotti e le esperienze.
    2. Una lista delle nostre priorità:
    • Attenzione alla pulizia, al decoro e alla “bellezza” della Città in tutti i suoi aspetti d’impatto pubblico: una Città turistica deve saper stupire “in bellezza e qualità” i propri cittadini ed ospiti;
    • Attenzione alla sicurezza per le persone e le cose: il grado di sicurezza di una località è parte integrante del diritto alla qualità della vita dei suoi cittadini ed è uno degli elementi chiave della reputazione di una destinazione turistica;
    • Cura e rinnovamento complessivo delle passeggiate a mare: illuminazione, pavimentazione, aiuole(anche in adozione agli esercenti), servizi igienici pubblici;
    • Affrontare l’emergenza Palme il simbolo della nostra Riviera!
    • Riqualificazione complessiva del waterfront della Città;
    • Salvaguardia e ripascimenti degli arenili e miglioramento della gestione delle spiagge libere;
    • Implementazione dei servizi e delle infrastrutture della città:
      • parcheggi,
      • servizio navetta,
      • viabilità, aree pedonali, piste ciclabili cittadine, ribadendo il concetto che una pedonalizzazione senza prima  aver predisposto un sistema di parcheggi ed una viabilità alternativa efficienti , non solo non è utile, ma può rivelarsi persino controproducente
      • Tratto Noli-Finale-Borgio della ciclovia Tirrenica
      • Collegamenti diretti(ascensori inclinati, funicolari, ecc.) tra Castelfranco e Finalmarina e tra Finalborgo e Castel San Giovanni
      • accessibilità per tutti, free wifi;
    • Sistemazione, messa in sicurezza e potenziamento del porto turistico, che deve diventare una delle infrastrutture “core” della nostra Città;
    • Sviluppo dei prodotti turistici del Portfolio Finale secondo i seguenti principi basilari
      • Finale non è “solo mare” ma neppure “solo outdoor”,
      • È urgente e indifferibile provvedere a regolamentare l’uso e a programmare la manutenzione della rete sentieristica finalese
      • E’ utile programmare ed attuare nel breve azioni immediate per dar nuovo slancio alla nostra offerta turistica, ad es: buble tent, servizi pubblici di nursery e baby changing, dog hotel, ecc.
      • Uno dei punti d’innovazione dovrà essere la costruzione di un prodotto turistico specifico fondato sul binomio silver economy/wellness
      • Piscina per la Talassoterapia e Centro benessere da progettare nelle ex aree Piaggio.
    • Sostegno alle imprese alberghiere nei processi d’innovazione e investimento:semplificazione iter burocratici; revisione della tassazione e delle tariffe locali secondo criteri di sostenibilità ed equità; riduzione degli oneri di urbanizzazione e di costruzione.
    • Promozione della destinazione Finale, del suo Portfolio prodotti e delle esperienze di vacanza nei mercati obiettivo e presso i target di riferimento.

    Elezioni 2019 Finale Ligure | Agenda di lavoro per le politiche del Turismo | Maggiori informazioni

    elezioni 2019 elezioni 2019 elezioni 2019
  • Elezioni Politiche 2018 le proposte di UPA Savona per sostenere il turismo - Pianeta Turismo - Angelo Berlangieri

    Elezioni Politiche 2018: le proposte di UPA Savona per sostenere il turismo

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    In vista delle imminenti elezioni politiche che si terranno domenica 4 marzo, come Unione Provinciale Albergatori di Savona abbiamo inoltrato ai candidati in Liguria alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica le proposte per la crescita del turismo in Italia elaborate da Federturismo – Confindustria (già presentate a livello nazionale a tutti i partiti) e le nostre quattro proposte, tutte fattibili e a basso impatto di costo, con la speranza che i futuri parlamentari del nostro territorio, rappresentando una delle provincie turistiche più importanti d’Italia, si facciano parte attiva nel sostenerle nel corso della Legislatura.
    Il turismo è un settore economico fondamentale per l’Italia, che ha vissuto un trend in forte crescita negli ultimi anni.
    Le rilevazioni ufficiali della stagione turistica 2017 vedono operatori e territori concordi nell’attestare il raggiungimento di risultati particolarmente positivi per l’intero comparto dell’industria turistica.
    I risultati positivi hanno permesso all’Italia di rimanere agganciata alle tendenze internazionali e riaffermato la necessità di rafforzare questo comparto industriale per far sì che il suo potenziale possa esprimersi al meglio.
    Nel contempo, il mercato turistico internazionale sta cambiando radicalmente sotto la spinta di molti fattori, tra cui quello tecnologico, e la partecipazione al mercato di nuovi paesi e destinazioni.
    Le opportunità aumentano così come la concorrenza.
    In questo contesto l’Italia rimane una destinazione di eccellenza, ma con un bacino di opportunità non pienamente sfruttate.
    Persistono, ancora, gravi ritardi rispetto a realtà europee storicamente concorrenti con conseguenti perdite di quote di mercato e di competitività.
    Alle criticità congiunturali dovute agli anni della crisi, oggi attenuate da un miglioramento generale dei parametri economici, si aggiungono infatti quelle strutturali, accumulatesi nel corso dei decenni e mai risolte assieme ad una generale difficoltà a intercettare le principali direttrici dell’innovazione e seguire i trend di cambiamento.
    “Turismo Italia” si propone l’obiettivo di promuovere le politiche necessarie a sviluppare tutto il potenziale del settore del turismo, con una panoramica sulle leve fondamentali per lo sviluppo del turismo in Italia.
    Il turismo è in grado di fornire un contributo decisivo alla ripresa economica italiana e può far sì che l’Italia ritorni sulla strada della crescita, una crescita sostenibile e con benefici diffusi.
    È necessario però che questo settore abbia a disposizione un contesto normativo, politico e burocratico favorevole, risorse e investimenti adeguati e il coinvolgimento di tutti gli operatori pubblici e privati interessati.
    Nel 2017 l’andamento turistico in Liguria è stato positivo: quasi sfiorata la soglia di 16 milioni di presenze e di 5 mila arrivi, con un incremento di oltre 450 mila giornate (+3%) e quasi 220 mila clienti (+4,8%).
    Non solo mare, che rimane la maggior attrattiva del territorio, ma anche ambiente, natura, cultura, enogastronomia, artigianato di qualità rappresentano prodotti turistici di forte richiamo, che hanno permesso alla Liguria di avviare un processo di destagionalizzazione dei flussi, per poter godere la nostra regione durante tutto l’arco dell’anno.
    Dei 4.804.748 clienti arrivati, il 55% è rappresentato da italiani, in crescita del 4,5% rispetto al 2016, e il restante 45% da stranieri, che hanno registrato un aumento del 5,2%.
    Le presenze ammontano a 15.558.401, di cui quasi il 60% italiane, in aumento del 2,2%, e il 40% straniere, che segnano un +4,3% rispetto all’anno precedente.
    Nel 2017 l’andamento turistico in Liguria è stato positivo: quasi sfiorata la soglia di 16 milioni di presenze e di 5 mila arrivi, con un incremento di oltre 450 mila giornate (+3%) e quasi 220 mila clienti (+4,8%).
    Non solo mare, che rimane la maggior attrattiva del territorio, ma anche ambiente, natura, cultura, enogastronomia, artigianato di qualità rappresentano prodotti turistici di forte richiamo, che hanno permesso alla Liguria di avviare un processo di destagionalizzazione dei flussi, per poter godere la nostra regione durante tutto l’arco dell’anno.
    Dei 4.804.748 clienti arrivati, il 55% è rappresentato da italiani, in crescita del 4,5% rispetto al 2016, e il restante 45% da stranieri, che hanno registrato un aumento del 5,2%.
    Le presenze ammontano a 15.558.401, di cui quasi il 60% italiane, in aumento del 2,2%, e il 40% straniere, che segnano un +4,3% rispetto all’anno precedente.
    Ecco le quattro proposte che come Unione Provinciale Albergatori di Savona abbiamo inoltrato ai candidati in Liguria alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica:

    • esclusione delle imprese ricettive alberghiere da SCF (diritti fonografici) e IMAIE (diritti interpreti), con nessun costo per il bilancio dello Stato;
    • obbligo per chi pubblica appartamenti a uso turistico sui portali di vendita online (tipo Airbnb) di pubblicare gli estremi di registrazione dell’attività presso i competenti uffici amministrativi; senza registrazione non si può pubblicare online e la mancata comunicazione comporta l’irrogazione di una sanzione amministrativa, sia in capo al titolare dell’attività che del portale/sito web che ha permesso la pubblicazione;
    • conferma della detrazione IRAP al 100% del costo dei lavoratori stagionali (oggi vale solo per il 2018);
    • detrazione della quota IMU a valere sugli immobili a destinazione alberghiera al 100% dal valore dell’imposta sui redditi (per i proprietari d’immobile che non sono gestori da prevedere la clausola che la detrazione comporti una riduzione dei canoni di affitto/gestione d’impresa praticati).

    Federturismo – Confindustria: Strategie e proposte per la crescita del turismo in Italia | Maggiori informazioni

    elezioni politiche 2018 elezioni politiche 2018 elezioni politiche 2018 .