• La grande scommessa di Savona fra turismo cultura e innovazione - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    LA GRANDE SCOMMESSA DI SAVONA FRA TURISMO, CULTURA E INNOVAZIONE

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Teatro Chiabrera gremito, ieri pomeriggio, per il talk show organizzato in occasione dei 150 anni de La Stampa.
    Un dibattito molto interessante per cercare di capire in che direzione sta andando la provincia, fra crisi e voglia di rilancio.
    Tanti e interessanti gli interventi. Sul palco – insieme al direttore de La Stampa, Maurizio Molinari, e al vice direttore vicario, Luca Ubaldeschi – Neil Palomba, direttore generale Costa Crociere, Ilaria Caprioglio, Sindaco di Savona, Giorgio Casareto, in rappresentanza del vicepresidente Azimut-Benetti, Mattia Noberasco, amministratore delegato Noberasco, Luciano Pasquale, presidente Camera di Commercio Riviere di Liguria, Federico Delfino, pro rettore Campus Universitario di Savona, Roberta Milano, direttore marketing digitale Enit, Saverio Murgia, fondatore Horus Tech, e Alessio Ferraro, presidente museo All About Apple.
    Oggi, l’economia del turismo per essere veramente competitiva, anche a livello internazionale, non deve limitarsi a vendere la sola destinazione, ma deve soprattutto vendere l’esperienza della destinazione.
    Bisogna mettere al centro le esperienze che caratterizzano e rendono unica e diversa la destinazione, che sia una città o un territorio.
    Come Unione Provinciale Albergatori di Savona siamo soddisfatti di quanto certificato dai numeri.
    Le presenze turistiche per 100 abitanti relative alla provincia di Savona sono superiori alla media ligure e questo dato è dovuto anche al fatto che in questi anni gli imprenditori hanno investito risorse economiche ed umane.
    Il movimento turistico in Liguria e in Riviera è infatti in crescita da cinque anni a questa parte, grazie a un processo di innovazione del prodotto, rinnovamento delle strutture, formazione del personale, ampliamento dei servizi offerti e miglioramento del posizionamento della nostra destinazione, soprattutto sui mercati internazionali.
    La nostra innovazione di prodotto, inoltre, oltre che nell’esperienza, deve investire nella diversificazione dell’offerta turistica a seconda della stagione, in modo da restare aperti 365 giorni all’anno.
    Finale Ligure ne è un esempio concreto, essendo riuscita in questi anni ad affermarsi come destinazione outdoor della Liguria.
    Quello che oggi conta veramente nella competitività di una destinazione è essere Glocal, ovvero avere la capacità di proporre nell’offerta globale di turismo esperienze di vissuto identitarie ed uniche della propria destinazione locale, e Mobile, ovvero utilizzare sempre più la tecnologia web per l’organizzazione e la promo-commercializzazione della destinazione.
    Come Unione Provinciale Albergatori di Savona stiamo lavorando per realizzare nei prossimi mesi, da un lato, l’implementazione, la gestione e la distribuzione delle experience vivibili e sperimentabili nella nostra destinazione, quale elemento di unicità e distinzione dell’esperienza turistica in provincia di Savona e, dall’altro, la costruzione e la gestione di una piattaforma online per l’implementazione e la promo-commercializzazione delle proposte di viaggio e soggiorno.

    La grande scommessa di Savona La grande scommessa di Savona La grande scommessa di Savona La grande scommessa di Savona .

  • Bandi europei Turismo - Angelo Berrlangieri

    Bandi europei per sostenere le attività turistiche

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    E´ operativa la nuova programmazione degli strumenti di cooperazione territoriale per il periodo 2014-2020.
    La Liguria è inserita in sette spazi di cooperazione di diverso livello:

    In questi programmi sono previste misure a sostegno della valorizzazione del patrimonio naturale e culturale delle aree di cooperazione e sono pertanto finanziabili interventi volti a stimolare l’offerta e la promozione turistica.

    Il Programma COSME, invece, prevede una linea di intervento per la promozione dell’offerta turistica in Europa.
    Ogni anno viene pubblicato l´invito a presentare proposte finalizzate a:

    • destagionalizzazione dei flussi turistici con nuove proposte per “seniors” e “juniors”;
    • creazione di pacchetti turistici transnazionali tematici;
    • miglioramento dell´accessibilità turistica per persone con necessità specifiche.
    bandi europei bandi europei bandi europei bandi europei bandi europei bandi europei .
  • so.lo.mo. - social local mobile - angelo berlangieri - pianeta turismo - unione provinciale albergatori di savona

    SO.LO.MO.: i nuovi concetti per la competitività del Turismo

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Il Turismo è un sistema economico in continua evoluzione, sia in termini motivazionali e di prodotto che di comunicazione e promozione, per poter essere competitivi, in un contesto di globalizzazione assoluta (30 anni fa le prime 5 destinazioni al mondo per arrivi rappresentavano quasi il 100% del mercato dell’offerta turistica, oggi ne rappresentano meno del 20% e di fatto tutti i paesi del mondo si posizionano nel mercato globale del turismo!) è necessario “percepire” le tendenze per poter “surfare” l’onda dell’innovazione evitando di esserne travolti e sommersi!
    I nuovi concetti per la competitività nel Turismo sono Social (So.), Local (Lo.) e Mobile (Mo.) ovvero, riassumendoli in un’unica locuzione, il paradigma della competitività nel turismo oggi si chiama So.Lo.Mo..

    Essere Social significa due cose:

    • Saper lavorare insieme condividendo esperienze e risorse (utilizzando anche i concetti e le esperienze delle cosiddetta sharing economy). In un contesto globale di riposizionamento socio-economico conseguente alla grande crisi economico-finanziaria di questi ultimi anni collaborare e fare sistema non sono più delle semplici enunciazioni di principio sono diventati una necessità strategica e irrinunciabile, disconoscerli avrà un solo effetto la progressiva perdita di competitività rispetto a chi avrà avuto la lungimiranza di mettere insieme intelligenze e risorse!
    • Utilizzare nella comunicazione gli strumenti e le tecniche del social marketing. Che la comunicazione e la promozione in questi ultimi anni, con l’avvento dei cosiddetti “social” (Facebook, Twitter, Instagram, ecc.) e dei portali/blog di vendita e “commento”, abbia subito una vera e propria rivoluzione, con gli utenti che da ricevitori passivi d’informazioni sono diventati produttori attivi delle stesse (da consumer a prosumer), in cui ciò che maggiormente conta non è tanto parlare di sé ma riuscire a far parlare di sé, è un dato di fatto ineludibile! Questo per la competitività di una destinazione significa una sola cosa: Social Reputation! Non avere una strategia di social marketing che monitori continuamente la reputazione della stessa sula “rete” adottando tecniche ed azioni per aumentarne progressivamente la percezione positiva significa perdere continuamente competitività e mercato! Peraltro le tecniche di comunicazione/promozione social, giocando sulla viralità delle stesse, sono oltre che innovative rispetto alle tecniche tradizionali molto meno costose e più produttive, la popolazione mondiale raggiungibile teoricamente in rete è stimata in circa 3 miliardi e 200 milioni di persone!

    Essere Local significa sapere offrire, come motivazione di viaggio e soggiorno, un portfolio prodotti composto da esperienze autentiche, ovvero da proposte capaci di saper far vivere l’autenticità, in termini di cultura, socialità, enogastronomia, territorio e paesaggio, di una destinazione! Solo così la destinazione è in grado di diventare, come dicono gli esperti del marketing, “glocale” ovvero una destinazione che posizionandosi nel marcato globale del turismo, ponendo l’accento sulle proprie autenticità, riesce a farsi sentire e notare evitando di sparire nella globalità delle proposte indifferenziate ed anonime. Essere Local può significare ad esempio proporre una vacanza alla scoperta di un valore autentico quale ad es. l’olio e le olive (adotta un olivo, partecipa alla raccolta e frangitura delle olive, impara a degustare gli oli, ecc.) oppure rivivere un’esperienza autentica della storia e della cultura di un luogo quale ad es. il medioevo (rivivi in un castello medioevale la vita del medioevo, impara la cucina medioevale o le arti della giocoleria o della spada, ecc.).

    Essere Mobile significa saper utilizzare le tecniche e le opportunità della cosiddetta web economy: dai siti web ai blog, dal wi-fi alle tecniche di monitoraggio online della reputazione, dall’e-commerce all’utilizzo dei big data, ecc. Per una destinazione essere mobile significano soprattutto due cose:

    • Dotarsi di un sistema di monitoraggio ed analisi della propria reputazione online e delle tendenze in atto “nella rete” al fine di percepire con anticipo sia che cosa c’è eventualmente che non vada nella destinazione sia che cosa stia accadendo nelle motivazioni ad organizzare viaggi e soggiorni!
    • Innovare le proprie metodologie e tecniche d’informazione ed accoglienza implementando le attività tradizionali con il wi-fi gratuito e la conseguente possibilità di trovare, in modo facilmente fruibile, sui dispositivi mobile, in ogni momento e in ogni luogo, tutto quello che serve per vivere la destinazione in cui ci si trova!
    so.lo.mo. so.lo.mo. so.lo.mo. so.lo.mo. so.lo.mo. so.lo.mo. .