• Il valore aggiunto del turismo in Liguria - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo - Il Turismo - Stagione Estiva

    Il valore aggiunto del turismo in Liguria: propensione crescente alla spesa in vacanza

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    L’Osservatorio Turistico Regionale ha pubblicato la quarta edizione dell’indagine “Il Valore Aggiunto del Turismo”, che ha lo scopo di stimare l’impatto economico che il settore ha sulla regione in termini di produzione di beni e servizi, occupazione di forza lavoro e prodotto interno lordo.
    L’analisi degli effetti sui vari settori produttivi mette in luce la trasversalità del turismo come fenomeno economico, in grado di creare ricchezza sia direttamente con i turisti che effettuano spese propriamente turistiche (viaggio, alloggio e pacchetto turistico) o spese accessorie della vacanza (trasporti pubblici, taxi, parcheggi, ristoranti, pizzerie, bar, abbigliamento, etc.), sia indirettamente grazie alle interconnessioni produttive proprie del sistema economico, prima regionale e poi nazionale.
    La spesa turistica introduce nuova ricchezza sul territorio, una parte della quale potrà a sua volta trasformarsi in ulteriore spesa, che si tradurrà in nuova ricchezza innescando un processo virtuoso i cui effetti moltiplicativi si estendono all’intero sistema economico e non solo al settore propriamente turistico.
    La spesa turistica ha quindi un effetto a catena che inizia dalla spesa effettuata dai visitatori, la quale genera entrate e dunque aumenti di ricavo per le imprese direttamente fornitrici dei beni e servizi acquistati dai turisti, passa attraverso la vendita di beni e servizi intermedi propagandosi all’intera economia locale e si conclude con l’aumento di reddito percepito dai residenti, che a sua volta darà un ulteriore impulso moltiplicativo al meccanismo di propagazione della spesa turistica.
    Il circuito virtuoso si innesca anche al di fuori del territorio della regione poiché una parte dei beni e servizi vengono prodotti in altre regioni italiane o all’estero e, successivamente, importati sul territorio.
    Il complesso degli effetti che la spesa turistica iniziale ha sul territorio di soggiorno può essere suddiviso in tre componenti:

    • effetti diretti: è l’impatto derivante direttamente dalla spesa effettuata dai turisti, genera un aumento dei ricavi delle imprese che offrono beni e servizi ai turisti, al netto delle importazioni da altri territori;
    • effetti indiretti: è l’impatto delle spese effettuate dalle imprese che forniscono i beni ed i servizi intermedi (acquisto di beni e servizi, salari, dividendi, tasse), con effetti, anche in questo caso, sui sistemi economici dentro e fuori la regione;
    • effetti indotti: è l’impatto dovuto all’incremento di reddito dei residenti, di cui una parte verrà spesa nell’economia locale.

    Sono quasi 70 milioni le presenze turistiche stimate in Liguria nel 2016, tra strutture ricettive e abitazioni private, in calo del -3,4% rispetto al 2015, frutto di una diminuzione delle presenze legate alle seconde case (-5,6%) e di una crescita di quelle in strutture ricettive (+5,4%).
    Queste presenze generano sul territorio regionale un impatto economico stimato in 5 miliardi e 658 milioni di euro per alloggio e ristorazione, enogastronomia, shopping di prodotti manifatturieri, altro shopping, cultura e divertimenti, trasporti locali e altre spese sostenute nel corso della vacanza turistica nella regione.
    Il prodotto interno lordo del turismo in Liguria è stimato in 3 miliardi e 818 milioni di euro (8% del PIL regionale) di cui l’industria dell’ospitalità ricettiva, tra alloggio e ristorazione, attiva da sola il 39,8%.
    Il PIL attivato nelle altre regioni italiane, fornitrici dei prodotti e servizi acquistati dai turisti o dei semilavorati utilizzati dalle imprese liguri, è stimato in 2 miliardi e 580 milioni di euro, pari al 40,3% del PIL attivato sull’intero territorio nazionale.
    Nel dettaglio, dei 3 miliardi e 818 milioni di euro di PIL turistico della Liguria il 54,5% è riconducibile ai profitti delle imprese che producono beni e servizi acquistati dai turisti nella regione, il 39,8% al reddito dei residenti dipendenti delle imprese ed il 5,6% alle imposte indirette nette che percepisce lo Stato.
    Si stima inoltre che la produzione attivata dalla spesa turistica ha richiesto l’impiego di 116.000 unità di lavoro (ULA), di cui il 64,7% impiegate all’interno delle imprese liguri (75.000 ULA) che corrispondono al 11,7% delle unità di lavoro impiegate complessivamente dalle imprese della regione, una quota più elevata di quella del PIL turistico (8% del PIL regionale) a conferma del turismo come un settore produttivo ad alta intensità di lavoro.
    Analizzando gli “effetti moltiplicativi” che produce la spesa del turista in Liguria, effetti che riguardano sia la Liguria che le altre regioni italiane, con un impatto economico complessivo attivato sul territorio, sull’occupazione e sui redditi delle imprese e dei residenti di tutti i settori economici legati al turismo, emerge:

    • che ogni turista spende in media 81 euro al giorno per alloggio, ristorazione, shopping, spese per attività culturali e divertimenti, spese di trasporto per la sola parte di viaggio realizzata nella regione, ecc;
    • che ogni presenza turistica attiva 55 euro di PIL all’interno della regione e 37 euro nel resto d’Italia. Inoltre, per ogni 100 euro spesi dai turisti si attiva un prodotto interno lordo pari a 67 euro all’interno della regione e 46 euro nel resto d’Italia.

    Il valore aggiunto del turismo in Liguria | Maggiori informazioni

    Il valore aggiunto del turismo in Liguria Il valore aggiunto del turismo in Liguria Il valore aggiunto del turismo in Liguria Il valore aggiunto del turismo in Liguria Il valore aggiunto del turismo in Liguria

  • Il manifesto del turismo sostenibile per viaggiare in modo responsabile - Pianeta Turismo - Angelo Berlangieri

    Il manifesto del turismo sostenibile per viaggiare in modo responsabile

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

    L’Onu ha dichiarato il 2017 l’anno internazionale del turismo sostenibile, puntando l’attenzione non solo sull’impatto che la presenza di turisti comporta sull’ambiente, ma anche sull’importanza del turismo sostenibile come veicolo per “diffondere consapevolezza del grande patrimonio delle varie civiltà” e apprezzare “i valori intrinsechi delle diverse culture, contribuendo così al rafforzamento della pace nel mondo”.
    Per turismo sostenibile si indica un modo di viaggiare rispettoso del pianeta, che non altera l’ambiente – naturale, sociale e artistico – e non ostacola lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche.
    Si tratta di un turismo non distruttivo, con un impatto ambientale basso e che punta a favorire le economie più in difficoltà.
    La definizione si oppone a quella di turismo di massa, che non tiene conto delle specificità dei territori, è invasivo e spesso non favorisce lo sviluppo economico, sociale e ambientale a livello locale.
    Scegliere di viaggiare in maniera sostenibile significa contribuire a ridurre l’impatto del turismo sull’ambiente e a preservare la salute del pianeta e dei suoi luoghi, culture e tradizioni.
    Nel 2016, il giro economico legato al turismo ha sfiorato, a livello internazionale, i 1.260 miliardi di dollari, con circa un miliardo e 200 mila viaggiatori.
    Nel 2015, gli italiani che hanno dichiarato di fare turismo sostenibile sono stati il 16%, come riporta il sesto rapporto “Italiani, turismo sostenibile ed ecoturismo”, a cura di Ipr Marketing e Fondazione Univerde, mettendo in evidenza come il 44% del campione affermi di essere disposto a pagare di più (tra il 10 e il 20%) la vacanza pur di avere accesso a servizi sostenibili, mentre 41% del campione dichiara di informarsi sulla sostenibilità delle strutture ospitanti.
    LifeGate, invece, ha appena lanciato LifeGate Experience, progetto che punta a supportare e orientare i viaggiatori “responsabili”, pubblicando anche il manifesto del turismo sostenibile, con le indicazioni su come diventare viaggiatori responsabili.
    Eccone la sintesi dei 10 punti:

    1. Preferire strutture sostenibili
      Dare la precedenza agli alberghi che non sprecano risorse ed energia e operano in maniera etica e virtuosa, valorizzando il territorio e il contesto sociale nei quali sono inseriti.
    2. Visitare aree ad alto valore naturalistico e culturale
      Inserire nel programma di viaggio escursioni ai siti di valore naturalistico e culturale riconosciuti dall’Unesco quali patrimonio dell’umanità: la tutela di un territorio passa dalla sua conoscenza.
    3. Scegliere modalità di trasporto ecosostenibili
      Optare per la mobilità dolce che annulla, o perlomeno riduce, le emissioni inquinanti utilizzando come mezzi di trasporto auto elettriche, treni e biciclette.
    4. Valorizzare i prodotti tipici locali, a chilometro zero e biologici
      Scoprire le tradizioni culinarie del territorio per conoscerne la cultura e consumare prodotti locali, bio e a chilomtro zero per incentivare l’economia locale e tutelarne l’ambiente.
    5. Rispettare i costumi, la cultura e gli stili di vita locali
      Avere una disposizione d’animo aperta alla conoscenza, all’incontro e al dialogo, senza pregiudizi o preconcetti: il rispetto per l’altro è il requisito fondamentale per un turismo davvero sostenibile.
    6. Favorire l’economia, le tradizioni, l’artigianato locale
      Acquistare prodotti tipici di artigianato per supportare le attività locali e mantenerne vive le tradizioni.
    7. Scegliere operatori che organizzano viaggi “etici”
      Fare del viaggio un’occasione non solo per vedere e scoprire luoghi diversi, ma anche per impegnarsi concretamente in favore delle comunità meno fortunate.
    8. Pianificare il viaggio in modo consapevole, informarsi, “studiare”
      Documentarsi prima del viaggio sulla storia, l’economia e le tradizioni dei luoghi che si andranno a visitare, pianificando i percorsi e gli itinerari in anticipo.
    9. Pensare all’impatto ambientale del viaggio e limitarlo
      Valutare ogni azione del viaggio (spostamenti, acquisti, ecc) nell’ottica dell’impatto che avrà sull’ambiente e impegnarsi per ridurlo.
    10. Informarsi, condividere esperienze e buone pratiche con la tecnologia
      Utilizzare la tecnologia. Per esempio, alcune applicazioni per smartphone anche in assenza di connessione consentono di seguire itinerari e percorsi raccontando i territori. La tecnologia consente anche di “fare rete” e coinvolgere e informare altri sulle buone pratiche di sostenibilità.

    Il manifesto del turismo sostenibile per viaggiare in modo responsabileLifeGate Experience | Maggiori informazioni

    manifesto del turismo sostenibile manifesto del turismo sostenibile manifesto del turismo sostenibile

  • Il bonus alberghi ha colto un bisogno reale del settore - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo

    Il bonus alberghi ha colto un bisogno reale del settore

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Il bonus alberghi introdotto lo scorso anno ha colto un bisogno reale per le imprese del settore.
    Per quanto riguarda il 2016 (spese sostenute nel 2015), le domande pervenute sono state circa 3.200, per un totale di oltre 90 milioni di euro di credito d’imposta richiesto, su 50 milioni messi a disposizione dal bilancio dello Stato.
    Le imprese alberghiere che hanno ottenuto il riconoscimento del beneficio sono state 2.149.
    Gli interventi maggiormente effettuati dagli albergatori sono stati per ristrutturazione edilizia, abbattimento delle barriere architettoniche, interventi di manutenzione straordinaria, restauro ed efficientamento energetico.
    Due le novità più importanti introdotte dalla legge di bilancio 2017 (Legge 232/2016, articolo 1, commi 4 – 7): il credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive turistico alberghiere anche per gli anni 2017 e 2018; l’agevolazione, pari al 65% (rispetto al 30% degli anni passati), delle spese sostenute fino ad un massimo di 200.000 euro, è estesa anche alle strutture che svolgono attività agrituristica ed opera a condizione che gli interventi abbiano anche finalità di ristrutturazione edilizia, riqualificazione antisismica o energetica ed acquisto mobili.

    bonus alberghi bonus alberghi bonus alberghi bonus alberghi .