• Pianeta Turismo - Conferenza stampa Finale Ligure - Elezioni 2019

    Elezioni 2019 Finale Ligure: agenda di lavoro per le politiche del turismo

    Tag:, , , , , , ,

    Come rappresentanze finalesi delle imprese turistico – ricettive e degli stabilimenti balneari questa mattina abbiamo presentato ai candidati Sindaco alle prossime elezioni amministrative e ai partiti e movimenti politici di Finale la nostra agenda di lavoro per le politiche turistiche, che ha come unico obiettivo lo sviluppo ed il miglioramento della competitività del Turismo.
    Com’è giusto che sia e come è sempre stato, non vogliamo e non abbiamo alcun interesse ad assumere un ruolo “partitico” e non intendiamo appoggiare (od osteggiare) alcun candidato Sindaco o Consigliere in particolare, tuttavia, rivendichiamo con forza il ruolo che ci compete, di  protagonisti  dell’economia turistica della nostra Città, proponendo una serie di riflessioni che possano esser utili a costruire le piattaforme politiche per il turismo dei prossimi 5 anni.
    In questo momento la situazione del turismo Finalese presenta alcune luci e altrettante ombre e come imprenditori del turismo, ci troviamo a dover affrontare momenti  d’incertezza e difficoltà.
    La lettura approfondita ed obiettiva dei dati sull’andamento del movimento turistico in questi ultimi anni dimostra inequivocabilmente la fragilità dell’offerta turistica finalese, il cui posizionamento sui mercati è ancora troppo condizionato da fattori esogeni indipendenti dalla nostra struttura d’offerta.
    Se il Turismo è e dovrà essere il motore principale del nostro sistema socio-economico, la sua competitività deve e dovrà essere assolutamente costruita sulla reputazione e l’appeal del suo sistema integrato e multi prodotto di offerta.
    Per poter far questo la nostra Agenda pone al centro dell’attenzione:

    1. Il metodo di approccio nella costruzione ed attuazione delle politiche turistiche fondato sul coinvolgimento attivo, la programmazione strategica e il racconto della verità per poter superare i principali punti di debolezza di approccio attuali, ovvero la banalizzazione(si pensa che sia facile fare turismo ma nessuno costruisce l’economia del turismo); il racconto di chi siamo e che cosa abbiamo senza che si costruiscano prodotti turistici ed esperienze di vacanza; la percezione che le manifestazioni siano il fondamento e non il complemento dell’offerta turistica. Le fondamenta sono le infrastrutture, i servizi, i prodotti e le esperienze.
    2. Una lista delle nostre priorità:
    • Attenzione alla pulizia, al decoro e alla “bellezza” della Città in tutti i suoi aspetti d’impatto pubblico: una Città turistica deve saper stupire “in bellezza e qualità” i propri cittadini ed ospiti;
    • Attenzione alla sicurezza per le persone e le cose: il grado di sicurezza di una località è parte integrante del diritto alla qualità della vita dei suoi cittadini ed è uno degli elementi chiave della reputazione di una destinazione turistica;
    • Cura e rinnovamento complessivo delle passeggiate a mare: illuminazione, pavimentazione, aiuole(anche in adozione agli esercenti), servizi igienici pubblici;
    • Affrontare l’emergenza Palme il simbolo della nostra Riviera!
    • Riqualificazione complessiva del waterfront della Città;
    • Salvaguardia e ripascimenti degli arenili e miglioramento della gestione delle spiagge libere;
    • Implementazione dei servizi e delle infrastrutture della città:
      • parcheggi,
      • servizio navetta,
      • viabilità, aree pedonali, piste ciclabili cittadine, ribadendo il concetto che una pedonalizzazione senza prima  aver predisposto un sistema di parcheggi ed una viabilità alternativa efficienti , non solo non è utile, ma può rivelarsi persino controproducente
      • Tratto Noli-Finale-Borgio della ciclovia Tirrenica
      • Collegamenti diretti(ascensori inclinati, funicolari, ecc.) tra Castelfranco e Finalmarina e tra Finalborgo e Castel San Giovanni
      • accessibilità per tutti, free wifi;
    • Sistemazione, messa in sicurezza e potenziamento del porto turistico, che deve diventare una delle infrastrutture “core” della nostra Città;
    • Sviluppo dei prodotti turistici del Portfolio Finale secondo i seguenti principi basilari
      • Finale non è “solo mare” ma neppure “solo outdoor”,
      • È urgente e indifferibile provvedere a regolamentare l’uso e a programmare la manutenzione della rete sentieristica finalese
      • E’ utile programmare ed attuare nel breve azioni immediate per dar nuovo slancio alla nostra offerta turistica, ad es: buble tent, servizi pubblici di nursery e baby changing, dog hotel, ecc.
      • Uno dei punti d’innovazione dovrà essere la costruzione di un prodotto turistico specifico fondato sul binomio silver economy/wellness
      • Piscina per la Talassoterapia e Centro benessere da progettare nelle ex aree Piaggio.
    • Sostegno alle imprese alberghiere nei processi d’innovazione e investimento:semplificazione iter burocratici; revisione della tassazione e delle tariffe locali secondo criteri di sostenibilità ed equità; riduzione degli oneri di urbanizzazione e di costruzione.
    • Promozione della destinazione Finale, del suo Portfolio prodotti e delle esperienze di vacanza nei mercati obiettivo e presso i target di riferimento.

    Elezioni 2019 Finale Ligure | Agenda di lavoro per le politiche del Turismo | Maggiori informazioni

    elezioni 2019 elezioni 2019 elezioni 2019
  • Il movimento turistico in provincia di Savona ad ottobre - Angelo Berlangieri - Assunzioni

    Oltre 27.000 assunzioni programmate in Liguria nel primo trimestre del 2019

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Il Sistema Informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere Liguria in accordo con ANPAL, ha fornito i primi risultati del monitoraggio dei fabbisogni occupazionali delle imprese liguri nel primo trimestre 2019.
    A livello nazionale si registra una flessione delle entrate previste sia su base mensile (-49.510 rispetto a gennaio 2018) che trimestrale (-58.620 rispetto al periodo gennaio-marzo 2018), in larga parte dovuta al clima di incertezza che grava sui piani di sviluppo delle imprese.
    In Liguria sono 9.660 i contratti programmati dalle imprese nel mese di gennaio, in calo di 690 unità rispetto a gennaio 2018 (ma aumenta il numero di imprese che intendono assumere) e saliranno a 27.590 nei primi tre mesi del 2019, in lieve aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (+1,0%).
    Dall’analisi degli ultimi 12 mesi, risulta evidente un picco di assunzioni nel mese di giugno, in preparazione della stagione estiva, quasi totalmente assorbite dal settore turistico (servizi di alloggio e ristorazione, servizi turistici).
    Il settore dei servizi nel complesso assorbirà il 76% delle entrate previste, in particolare i servizi alle imprese (7.330 entrate previste) e i servizi turistici, di alloggio e ristorazione (6.050) mentre l’industria il rimanente 24%.
    Rispetto alla classe dimensionale delle imprese, il 66% delle entrate riguarderà quelle con meno di 50 dipendenti.
    Cresce, in termini percentuali, la richiesta da parte delle imprese di profili high skill ad alta specializzazione, sia a livello dirigenziale che tecnico, e proprio questa ricomposizione della domanda spiega l’aumento di 7 punti percentuali della difficoltà di reperimento (dal 25% di gennaio 2018 al 32% di gennaio 2019).
    In provincia di Savona il 23,3% delle imprese con dipendenti prevede 4.150 assunzioni (l’11,5% in meno rispetto al 2018), di cui 2.920 tra febbraio e marzo, che privilegiano anche in questa provincia figure legate ai servizi turistici e commerciali: cuochi e camerieri (830), personale non qualificato nei servizi di pulizia (420) e commessi (300).
    Nell’estremo ponente, su 4.920 imprese imperiesi con dipendenti, il 21,8% ha comunicato l’intenzione di assumere nuovo personale. Delle 3.020 assunzioni programmate (il 2,3% in meno rispetto al 2018), di cui 1.910 tra febbraio e marzo, il 23% riguarderà cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici (700), seguiti da personale non qualificato nei servizi di pulizia (380) e commessi (250).
    In quella di Genova sono circa il 22% le imprese con dipendenti che prevedono nuove assunzioni, che nel primo trimestre del 2019 ammonteranno a 16.250 (il 6,1% in più rispetto al 2018), di cui 10.210 tra febbraio e marzo: tra le figure professionali più richieste dalle imprese troviamo sempre al primo posto cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici (2.020), seguono tecnici delle vendite (1.300) e conduttori di mezzi di trasporto (1.230), che insieme rappresentano il 28% delle entrate complessive previste.
    Infine a La Spezia si registra la quota più alta di imprese con dipendenti che intendono assumere nel primo trimestre, il 26,0%. Le assunzioni programmate sono 4.180 (in calo dello 0,9% rispetto ad un anno fa), di cui 2.950 tra febbraio e marzo: al primo posto vengono richiesti cuochi e camerieri (930) e a seguire operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche (510) e personale non qualificato nei servizi di pulizia (370).

    Per maggiori informazioni collegarsi al sito di Unioncamere

    assunzioni assunzioni assunzioni assunzioni
  • Travel365 - Pianeta Turismo

    Travel365: Borgio e Noli tra i quattro borghi più belli della Liguria

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    Secondo un sondaggio del portale Travel365, un magazine online di viaggi e turismo, Borgio Verezzi è il secondo borgo più bello della Liguria e Noli il quarto.
    Il sondaggio ha coinvolto attivamente i membri della community del portale: oltre 10.000 utenti sono, infatti, stati chiamati ad esprimere le proprie preferenze, scegliendo 10 borghi fra gli oltre 30 selezionati dalla redazione di Travel365 da visitare nel 2019.
    Affacciati sul mare o immersi nel verde dell’entroterra, piccoli paesi di pescatori,  antichi insediamenti militari, bellezze architettoniche, beni culturali ed eccellenze enogastronomiche del territorio: questi sono i borghi della Liguria.
    Al primo posto Moneglia (GE), a seguire Borgio Verezzi, al terzo posto Varese Ligure (SP) ed al quarto Noli. Seguono Tellaro (Lerici), Cervo (IM), Brugnato (SP), Apricale (IM), Dolceacqua (IM) e Campo Ligure (GE).
    Il portale, inoltre, ha cercato di evidenziare i pregi delle località e in quale periodo sia più opportuno visitarle.
    Borgio Verezzi, secondo quanto emerso dalla ricerca, andrebbe visitata per uno o due giorni nei mesi di luglio e agosto, in concomitanza con il Festival Teatrale.
    Due, invece, le giornate da dedicare a Noli: ad esempio la prima domenica di luglio (per la Festa patronale della Madonna della Visitazione e il Festival Lirico), le prime due settimane di agosto (per la festa patronale del Santissimo nome di Maria) o l’11 novembre (per la Fiera di San Martino).

    Travel365 | Maggiori Informazioni