• Come si misura il movimento turistico - Contare o pesare le presenze - Provincia di Savona Liguria - Angelo Berlangieri - Pianeta Turismo - Unione Provinciale Albergatori di Savona

    Come si misura il movimento turistico? Contare o pesare le presenze?

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    In questo periodo dell’anno, conclusasi la stagione estiva ed assestatisi i dati delle rilevazioni statistiche “ufficiali”, sui media imperversano i numeri e le analisi di raffronto tra anni e tra destinazioni sul movimento turistico nazionale e locale.
    I dati ufficiali (quelli ISTAT) che vengono utilizzati sono in grado di descrivere realmente l’andamento dell’economia turistica di una destinazione in un dato periodo di tempo?
    La risposta purtroppo è no, a dimostrazione ancora una volta di come questa economia, fondamentale per lo sviluppo e la sostenibilità economica del nostro paese, sia trattata in modo marginale e banalizzante!
    Infatti i due principali parametri misurati, gli arrivi (ovvero il numero di persone che hanno soggiornato in una destinazione) e le presenze (che descrivono il numero totale di notti di soggiorno in una destinazione) sono entrambe parametri che “contano” il movimento turistico senza pesarlo in termini di fatturato e valore aggiunto prodotto.
    Essendo il turismo un sistema economico che produce reddito ed occupazione (il doverlo ribadire ogni volta può apparire stucchevole ma è purtroppo necessario perché alla prova dei fatti il turismo è trattato in tutti i modi meno che come un settore economico trainante!) l’indice attendibile che ne misura l’efficienza e l’efficacia nel tempo, compresa efficienza ed efficacia delle politiche turistiche, non può che essere la misurazione del valore aggiunto e del fatturato generato in determinato tempo di osservazione!
    Se in una destinazione si dovesse registrare una riduzione del numero degli arrivi e delle presenze accompagnata da un significativo aumento del fatturato e del valore aggiunto generato non saremmo in presenza di una situazione di flessione o di crisi del turismo, ma al contrario di una inversione di tendenza positiva dovuta a politiche che modificando la composizione della domanda sono riuscite a migliorare le performance del turismo e le condizioni socio-economiche locali (maggiori margini per le imprese, maggiori fatturati per l’indotto, maggiori opportunità di occupazione e di investimenti dovuti al maggior tasso di ricchezza complessiva generata!) riducendo la cosiddetta pressione turistica e conseguentemente i costi locali di gestione dei flussi turistici stessi.
    Per simmetria ragionamento contrario dovremmo fare nel caso in cui i numeri aumentano ma i fatturati diminuiscono: non siamo in presenza di un boom del turismo ma di una situazione di difficoltà e/o di crisi vera e propria!
    Pertanto per una valutazione corretta, che rispetti l’importanza del turismo, non è sufficiente fare analisi solo contando arrivi e presenze, alla conta va sempre affiancato il dato sull’andamento, nello stesso periodo analizzato, del fatturato/valore aggiunto prodotto solo così, infatti, si può seriamente valutare l’effettivo stato di salute del turismo e l’efficacia delle politiche adottate, decidendo, conseguentemente, che cosa è più opportuno fare per favorire/supportare una tendenza positiva o per invertire una tendenza negativa.

    come si misura il movimento turistico come si misura il movimento turistico come si misura il movimento turistico come si misura il movimento turistico come si misura il movimento turistico come si misura il movimento turistico .